Trivigliano è nominata per la prima volta nel X° secolo per una controversia con il vescovo di Alatri per alcuni possedimenti.

Feudo di Alatri, nel XIII° sec., appartenne al cardinale Gottifredo, poi alla famiglia Caetani per volere di Bonifacio VIII°.

Successivamente, divenne possedimento dei Colonna che la tennero fino al 1816.

Molto suggestivo è il centro storico di configurazione tipicamente medievale, con stretti vicoli, archi e portali.

Si possono ancora vedere i resti della cinta muraria a cui appartiene un torrione circolare unico rimasto di una serie che fungevano da posti di avvistamento.

Tra gli edifici si segnalano la chiesa di Maria Santissima Assunta con una pala d’altare seicentesca e "la Chiesa" la Chiesa dedicata alla patrona Santa Oliva che custodisce un antico simulacro della santa.

DA VEDERE


• Chiesa di S.ta Maria Assunta con affresco della Vergine (1700)


• Chiesa di S.ta Oliva


• Porta di Vicolo dello Spreco


• Eremo della Madonna delle Grazie


• Belvedere


• Grotte di Corniano


• Lago di Canterno

 

• Museo della Cività Contadina


• Riserva naturale


 

 

 

© 2017 Sito web Realizzato da Studio K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.